Meteo Italia, giugno 2024 sarà 'freddo' come maggio? La risposta del colonnello Giuliacci

Il colonnello Mario Giuliacci ha pubblicato le previsioni meteo per il mese di giugno 2024. In molti si chiedono se sarà piovoso e 'freddo' (per modo di dire) come il maggio appena trascorso. Giuliacci ha risposto così.

Per chi leggerà questo articolo venerdì, sono le ultime ore di un maggio abbondantemente piovoso sul Nord Italia. Le regioni settentrionali per gran parte del mese hanno fatto i conti con piogge insistenti, che in certe giornate hanno assunto il carattere di nubifragi. Il numero di allerte meteo emanate dalla Protezione Civile negli ultimi trenta giorni è molto più alto della media del periodo. Oggi, venerdì 31, continuano le precipitazioni violente sopratutto sulla Lombardia e parte del Veneto, con qualche temporale isolato sulla fascia Appenninica centrale e meridionale.

La buona notizia è che il mese si aprirà con un sabato di bel tempo. Domani, infatti, al Nord pioverà solo sulla fascia pre-alpina, con fenomeni isolati su Valle d'Aosta, Piemonte occidentale e Trentino-Alto Adige. Piogge deboli pomeridiane colpiranno tuttavia anche Campania, Basilicata e Puglia. La Festa della Repubblica sarà segnata da piogge deboli su tutta l'Italia peninsulare. Solo Sardegna e Sicilia verranno risparmiate. Cosa succederà dalla prima settimana di giugno? Arriverà il tanto atteso anticiclone africano (o sub-sahariano, ad essere più precisi) che proteggerà il nostro paese dalle irruzioni atlantiche? Il colonnello Mario Giuliacci ha pubblicato un aggiornamento relativo al mese di giugno.

Meteo, gli aggiornamenti di Giuliacci per il mese di giugno 2024

Nel video, il colonnello usa termini tecnici, che proveremo a rendere più comprensibili. Giuliacci premette che negli ultimi sette anni, giugno è stato un mese da record. In quattro annate su sette, infatti, dal 2016 al 2023, infatti, è stato il giugno più caldo di sempre. A quanto pare, questo non succederà nel 2024. Già in un precedente aggiornamento, l'esperto aveva annunciato che l'anticiclone era in ritardo. La conferma è arrivata da ulteriori studi sui modelli a medio termine. "L'anticiclone è in ritardo di circa 300 chilometri. Per percorrere 300 chilometri e raggiungere il Mediterraneo, impiega circa un mese", spiega.

Mario Giuliacci ha pubblicato un aggiornamento meteo relativo al mese di giugno.
Mario Giuliacci ha pubblicato un aggiornamento meteo relativo al mese di giugno.

Ciò significa che, per il mese di giugno, sull'Italia non arriverà quello che Giuliacci definisce "l'anticiclone africano forte". Cosa vuol dire? Per definirlo "forte", ci si basa sulla quota alla quale la pressione raggiunge quota 500. "A quota 5840 si avverte un caldo sopportabile, se arriva a 5920 il caldo è forte, se arriva a 5980 unità, sarebbe un caldo eccezionale". I modelli per il mese di giugno prevedono che potremo ottenere "al più" 5850. "Quindi, stiamo tranquilli!", conclude Giuliacci. In termini più semplici: per i primi trenta giorni di giugno l'Italia godrà di un caldo moderato. Inoltre l'anticiclone, seppur non forte come quello degli anni scorsi, dovrebbe garantire uno scudo protettivo contro le piogge. Un miglioramento vero e proprio è atteso da mercoledì, ma delle previsioni per la prima metà di giugno riparleremo settimana prossima. In questo articolo abbiamo parlato di un'analisi generica per il mese di giugno nel suo complesso.

LEGGI ANCHE: "Sono un pilota di aerei: con questo trucco farete smettere di piangere i bambini immediatamente"

Lascia un commento