Donna rientra nella casa da cui era stata sfrattata 13 anni fa e non vuole più andare via: come ha fatto

Una donna, che 13 anni fa era stata sfrattata da casa sua, è riuscita a rientrare in maniera abusiva. Ora, però, si rifiuta di andare via. La sua storia è diventata virale e ha catturato l'attenzione del pubblico per la delicatezza della tematica.

A nessuno di noi entusiasma l'idea di abbandonare la casa dove siamo cresciuti o quella in cui viviamo in affitto da tempo. La triste realtà è che il diritto alla casa non viene realmente garantito a tutti. Il problema è particolarmente sentito negli Stati Uniti. In uno stato all'apparenza ricco come la California, la popolazione di senzatetto cresce di anno in anno. Nel 2007 una donna di nome Maria Merritt è stata sfrattata dalla proprietà in cui ha vissuto con i suoi quattro figli dal 1995 al 2007. Il 2007 è l'anno della crisi finanziaria, che ha colpito duramente l'economia statunitense.

Maria Merritt viveva una vita normale fino al 2007, anno in cui il suo allora partner e la figlia sono rimasti coinvolti in un incidente stradale. La donna ha perso il lavoro, ha iniziato a fare uso di sostanze stupefacenti, cadendo in depressione. Questa serie di fattori le ha reso impossibile pagare l'affitto. Il proprietario di casa, dopo alcuni mesi di mancati pagamenti, l'ha sfrattata e, tra penali e arretrati, le ha chiesto 37.000 dollari. La Merritt, nel frattempo, ha perso il lavoro e non ha ripagato il debito, essendo costretta ad abbandonare l'appartamento. Per motivi da chiarire, la casa è rimasta vuota dal 2007 al 2020. Lo riporta il Los Angeles Times.

Donna sfrattata rientra in casa 13 anni dopo: come ha fatto

Maria, per 13 anni, è stata una senzatetto a tutti gli effetti, con tutte le conseguenze negative che ne conseguono. Nel 2020, durante la pandemia da Covid-19, nacque un movimento di attivisti, detti 'Reclaimers'. Alcuni di loro hanno distrutto le finestre della casa, cambiando anche le serrature, per permettere a Maria di rientrarci. Come prevedibile, per una casa rimasta inabitata per 13 anni, c'era muffa ovunque, cattivi odori e perfino alcuni graffiti sui muri. La polizia ha più volte bussato alla porta, minacciandola di arrestare, ma per qualche motivo la donna è riuscita a rimanere a casa sua fino al giorno d'oggi.

Questa è la casa / cottage di Los Angeles da cui Maria è stata sfrattata nel 2007
Questa è la casa / cottage di Los Angeles da cui Maria è stata sfrattata nel 2007

I suoi quattro figli hanno avuto un destino poco chiaro dopo lo sfratto, ma Maria è riuscita a riabbracciarli e a riaccoglierli a casa, sebbene la più grande "non fosse contenta" che sua madre avesse occupato abusivamente una casa. La Housing Authority of the City of Los Angeles, che si occupa di fornire case ai senzatetto, ha fatto firmare a Maria un contratto che le ha permesso di vivere legalmente in quella casa per due anni, garantendole anche acqua ed elettricità. A breve scadrà il secondo contratto della durata biennale. L'autorità non intende rinnovare ancora, in quanto si presume sia una misura di emergenza temporanea. Maria, però, non vuole lasciare la casa: "Voglio darla ai miei nipoti", ripete. La decisione finale sul destino della casa verrà presa da un tribunale. Una donna è stata arrestata per aver provato a mandare via delle persone che le avevano occupato casa.

Lascia un commento