Noos, pesante stroncatura per il programma Rai di Alberto Angela: "Sempre lo stesso errore"

Ieri sera, il programma di Rai 1 "Noos - L’avventura della conoscenza", condotto da Alberto Angela, ha regalato ai telespettatori una seconda puntata ricca di contenuti affascinanti e approfondimenti scientifici. Eppure qualcosa potrebbe aver infastidito una fetta di pubblico che avrebbe sottolineato un errore frequente nelle trasmissioni del figlio di Piero Angela.

La puntata di "Noos - L'avventura della conoscenza" di ieri si è aperta con una visita esclusiva di Alberto Angela al Museo Egizio di Torino con il suo direttore Christian Greco, dato che sono stati celebrati i duecento anni dalla fondazione del luogo. Mummie e magnifici sarcofagi hanno rivelato i segreti nascosti delle antiche reliquie. La serata è proseguita con un affascinante approfondimento sui dinosauri, grazie alla collaborazione del giovane paleontologo Alessandro Chiarenza.

La puntata ha anche esplorato alcune delle innovazioni scientifiche più recenti. Tra queste, un mistero storico legato alla Torre di Pisa, una strategia innovativa per proteggere Venezia dall’innalzamento del livello del mare e una tecnica innovativa per contenere la proliferazione della zanzara tigre. Un altro tema importante trattato durante l'appuntamento è stato quello delle malattie genetiche con il professor Franco Locatelli, dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù di Roma. Tra gli ospiti di Alberto Angela, si sono distinti Gabriel Zuchtriegel, direttore del Parco archeologico di Pompei, che ha parlato di alcune usanze nell’Impero Romano, e l’astronauta Samantha Cristoforetti, che ha fornito anticipazioni sul ritorno dell’uomo sulla Luna. L’attrice e regista Paola Cortellesi ha concluso il team di ospiti illustri doppiando un personaggio che ha raccontato come sia nato l'alfabeto italiano.

Noos, il programma di Rai 1 di Alberto Angela piace ma ha un terribile difetto: ecco quale

Nonostante il grande successo della trasmissione, che come sempre è stata apprezzata dal pubblico per la sua qualità e la sua capacità di informare e intrattenere, è emerso un problema tecnico ricorrente. Molti spettatori potrebbero aver segnalato che l’audio della musica era troppo alto rispetto al parlato, rendendo difficile la comprensione di alcune parti del programma.

Ecco alcuni pareri che evidenziano questo problema: "Per tutto il programma resta sempre il problema audio. La musica sovrasta il parlato", "Mi chiedo perché la musica, che dovrebbe essere di sottofondo, sia sempre così alta. Anche nell'intervento di Samantha Cristoforetti era eccessivamente alta quasi a coprire quello che dicevano o quantomeno, a renderne difficile la comprensione",  "Mi raccomando la prossima volta la musica non deve sovrastare il parlato", "Grazie Alberto Angela. L'unico per cui vale la pena pagare il canone... L'unica cosa che mi sento di consigliare è di abbassare un pochino il volume delle musiche e delle colonne sonore #Noos", "Solo io trovo fastidiosa la musica a volume alto durante le interviste ai vari ospiti e nelle presentazioni dei servizi? #Noos".

Noos
Commenti su Twitter/X

Malgrado questo piccolo inconveniente, "Noos - L’avventura della conoscenza" continua a essere un appuntamento imperdibile per gli amanti della cultura e della scienza, grazie alla passione e alla competenza di Alberto Angela e del suo team.

Lascia un commento